“Nessuno può volare” Simonetta Agnello Hornby

Se, per un caso o per un altro, vi trovaste ad avere questo libro tra le mani, leggetelo.
Parlare di “diversità” è un eufemismo, tra queste pagine si trova il massimo significato della vita dove, nonostante i problemi e le avversità, si può superare qualsiasi ostacolo, partendo da una piccola cosa fino ai più grandi dispiaceri.
Se prima non esisteva un manuale per provare ad alzarsi da terra dopo una caduta, adesso abbiamo un libro che infonde coraggio e incita a riprovarci. La scrittrice riesce a descrivere una parte della nostra vita che appare come un mondo completamente nuovo, finché anche le piccole azioni quotidiane che svolgiamo, per altri sono imprese ed obbiettivi di ogni giorno.
Forse nessun uomo sulla terra è mai riuscito a volare, ma basta saper sognare per iniziare a planare.

Sempre, Vostra Autrice

 

Razzismo e discriminazione: violenza contro chi è diverso

Qua mi vorrei soffermare sul dire una cosa, cioè che noi giovani non la pensiamo tutti allo stesso modo su questo tema.

Il razzismo è una forma di discriminazione contro qualcuno che è diverso da noi, partendo dal colore della pelle o dalla forma degli occhi. Alcuni ragazzi pensano che il mondo sia pieno di colori e dobbiamo accettarlo così com’è.

Molti altri, invece, pensano che fin quando il mondo sarà pieno di colori il razzismo esisterà sempre.

Noi dovremmo essere i primi a porgere la mano a chi ne ha bisogno, ad aiutare chi lo chiede, ma non tutti sono disposti a questo. A volte si ha solo paura di ciò che non conosciamo, e tendiamo ad allontanarci.

Discriminazione, razzismo, diversità, differenze, in qualsiasi modo volete chiamare questa violenza contro chi è diverso da noi non cambierà il modo di vederlo.

Siamo avvolti da un velo di sentimenti che nessuno di noi può vedere, ma solo sentire. Non riesco a parlare in modo maturo, senza dire chi ha ragione e chi ha torto. Posso solo dire che ognuno di noi difende i propri diritti, ognuno di noi protegge ciò che ama con tutte le proprie forze. E poi, quando non abbiamo più le forze, arrivano i problemi e noi, incapaci di capire che siamo noi a non essere stati abbastanza tenaci, diamo la colpa agli altri.

Sempre, Vostra Autrice