Zona bianca, le regole

Zona bianca, le regole

Come annunciato dal ministro Speranza da venerdì 18 quasi tutta l’Italia sarà in “zona bianca”, ma quali sono le regole?

Innanzitutto in “zona bianca” non vige alcun coprifuoco, quindi movimenti liberi dei cittadini anche nella fascia oraria che va dalle 24 alle 5 del mattino. Le attività di ristorazione (bar, pizzerie, ristoranti e via di seguito) sono tutte aperte e si può consumare anche all’interno dei locali senza limitazioni di orario; nessuna limitazione neanche sulle attività con asporto o consegna a domicilio.
Per quanto riguarda sempre il settore della ristorazione non ci sono limiti di persone per i tavoli all’aperto mentre al chiuso possono sedere massimo sei persone per tavolo se non conviventi, in ogni caso però -sia dentro che fuori- tra le persone deve essere mantenuta la distanza di almeno un metro.

Sia all’aperto che al chiuso rimangono in vigore il divieto di assembramento e l’obbligo di usare la mascherina “fatta eccezione per i casi in cui è garantito l’isolamento continuativo da ogni persona non convivente”.

Come sempre l’obbligo non è previsto per i bambini sotto i 6 anni di età; le persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina; gli operatori o le persone che, per assistere una persona esente dall’obbligo, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente). Inoltre, non è obbligatorio indossare la mascherina, sia all’aperto che al chiuso mentre si effettua l’attività sportiva; mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito; quando si sta da soli o esclusivamente con i propri conviventi. Per quanto riguarda lo svolgimento dell’attività lavorativa e delle attività scolastiche, la mascherina è obbligatoria nelle situazioni previste dagli specifici protocolli di settore. È comunque fortemente raccomandato l’uso delle mascherine anche all’interno delle abitazioni private, in presenza di persone non conviventi.

PRIMO PIANO SPECIALE COVID-19 E CAMPAGNA VACCINALE