Tre giorni di Italia arancione, cosa si potrà fare?

Tre giorni di Italia arancione, cosa si potrà fare?

Dal 28 al 30 dicembre tutta l’Italia sarà zona arancione (poi nuovamente il 4 gennaio). Ma cosa cambia per i cittadini nelle regole e restrizioni anti-covid?

Intanto va precisato che rimarrà valido il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino e in questi orari sarà possibile spostarsi soltanto per precisi motivi (salute, lavoro) e con auto-certificazione. Negli altri orari, quindi dalle 5 del mattino e fino alle 22 ci si potrà muovere all’interno del proprio comune di residenza senza autocertificazione. Chi risiede in comuni entro i 5 mila abitanti potrà muoversi entro un raggio di 30 Km anche se questo dovesse significare uscire dalla propria regione, resta però vietato recarsi verso i capoluoghi di provincia. Si potrà quindi nelle ore dalle 5 alle 22 recarsi a trovare amici e parenti ma entro precisi limiti orari e ambiti territoriali. Ribadiamo che rimane l’obbligo di auto-certificazione quando per motivi di necessità, lavoro o salute ci si dovrà spostare nella fascia oraria di coprifuoco dalle 22 alle 5.

È prevista la riapertura dei negozi che dovranno però chiudere entro le 21 mentre bar e ristoranti potranno limitarsi soltanto all’attività di asporto (no consumazione in loco o vicinanze) e consegna a domicilio.

Il nucleo familiare potrà spostarsi verso eventuali seconde case che insistano all’interno della stessa regione, vietato spostamento verso residenze di qualsiasi natura fuori regione. È sempre consentito lo spostamento per rientrare presso la propria residenza/abitazione principale.

Le violazioni potranno essere sanzionate con multa che va da 400 a 1.000 euro, aumentata di un terzo se la violazione avviene mediante utilizzo di un veicolo.

POLITICA ITALIANA