Feste, lockdown a casaccio

Feste, lockdown a casaccio

La presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, nel tradizionale incontro con la stampa, ha criticato duramente il governo Conte per la gestione dell’emergenza Covid.

di Alessandro Sallusti

È una notizia in sé, ma lo è ancora di più perché stiamo parlando della seconda carica dello Stato dopo il presidente Mattarella, il quale certamente non ha appreso la cosa dalle agenzie ma, conoscendo come funzionano le cose da quelle parti, era stato precedentemente informato e non ha opposto obiezioni. Non vado quindi troppo lontano dalla verità dicendo che la critica della Casellati è condivisa dal Quirinale e suona come un avviso di sfratto all’attuale premier.
A memoria non ricordo un precedente di un presidente del Senato che apertamente si schiera contro l’esecutivo in carica e il silenzio di Palazzo Chigi sulle parole della Casellati è la dimostrazione di quanto difficile sia la situazione per Conte e la sua traballante maggioranza. Come già era evidente e logico, Renzi non sta tirando la coda da solo, è il grimaldello di un accordo ben più ampio di quello che oggi appare, per mettere Conte alle strette e innescare una crisi che porti a un cambio di governo con il consenso di una larga parte del Pd.

[LEGGI TUTTO]

PUNTO DI VISTA (L'EDITORIALE)