Violentissimo terremoto in Nuova Zelanda

cartina_oceania

Alle 12.02 ora italiana (le 23.02 ora locale) una scossa di terremoto ha generato terrore in Nuova Zelanda. La scossa rilevata da tutta la rete sismologica mondiale ha avuto magnitudo 7.8 della scala Richter, secondo la rilevazione dell’Istituto geologico statunitense (USGS) con ipocentro a 23 chilometri di profondità a 53 chilometri nordest di Amberley e 93 a nord di Christchurch, il Centro per le allerte tsunami del Pacifico ha emesso un allarme “raccomandando misure per proteggere i beni e la vita”, lo tsunami si sta in effetti verificando con onde alte oltre due metri.

Il Ministero della Difesa civile neozelandese raccomanda agli abitanti dell’Isola del Sud di spostarsi “verso zone elevate e il più possibile lontano dalla costa”.

L’epicentro della scossa è in terra, ma data la grandezza della faglia attivata il terremoto ha smosso il fondale oceanico generando uno tsunami. I servizi di emergenza stanno valutando i danni del terremoto. Il 22 febbraio 2011 almeno 185 persone morirono per un terremoto di magnitudo 6,3 che scosse la città di Christchurch, causando danni a 30mila edifici.