Italia sempre peggio per Libertà di Stampa

reporters-sans-frontieres-rsf-1728x800_c

di Luigi Asero

Nuovo record negativo per l’Italia. Stavolta (e nuovamente) si parla di “libertà di stampa”. Il report aggiornato di Reporters sans Frontieres declassa l’Italia dal già poco onorevole 73° posto mondiale dello scorso anno al 77° su 180 Paesi esaminati. Italia non ultima in Europa ma fra le ultime tra i Paesi aderenti all’Unione Europea. Dopo l’Italia (in ambito UE) soltanto Cipro, Grecia e Bulgaria.

Libertà di stampa in Italia limitata da una serie di fattori. “Fra i 30 e i 50 giornalisti” sarebbero sotto protezione della polizia per minacce di morte o intimidazioni. Nel rapporto vengono citati anche «procedimenti giudiziari» per i giornalisti che hanno scritto sullo scandalo Vatileaks. I giornalisti in maggiore difficoltà in Italia sono quelli che fanno inchieste su corruzione e crimine organizzato.

Meglio dell’Italia Paesi come Tonga, Burkina Faso e Botswana. Per la prima volta, da quando Rsf ha cominciato nel 2002 a elaborare la sua classifica, il continente africano mostra una situazione migliore rispetto al continente americano dove pesano “violenza crescente contro i giornalisti in Latinoamerica”, l’Asia continua a essere il continente peggio valutato. L’Europa rimane l’area in cui i media sono più liberi, anche se Rsf nota un indebolimento generale.

La Finlandia continua a essere quello in cui le condizioni di lavoro per i giornalisti sono migliori (è in cima alla classifica accade dal 2010; seguita da l’Olanda, che guadagna due posti, e la Norvegia, che ha perso la seconda posizione. La Russia si posiziona al 48° posto (ben 25 posizioni più in alto dell’Italia). Turchia invece al 151° e l’Egitto al 159°. In coda Turkmenistan, Corea del Nord e ultima l’Eritrea.