“Pericolosa la trazzera di Caltavuturo” dice Digiacomo (Pd)

Movimento 5 stelle-Caltavuturodi Luigi Asero

Leggiamo e riportiamo testualmente da BlogSicilia quanto dichiarato dall’onorevole regionale Pippo Digiacomo (Pd), a proposito della realizzazione della bretella provvisoria di collegamento con l’autostrada A19 tra gli svincoli di Scillato e Tremonzelli in fase di realizzazione nel territorio di Caltavuturo con i fondi di privati cittadini e con 300 mila euro provenienti dai rimborsi dei parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle che serviranno per asfaltare la strada suddetta.

Ecco quanto dichiarato dall’onorevole Digiacomo:

“Ho percorso personalmente la trazzera che collega Tremonzelli a Scillato: è molto pericolosa e credo continuerà ad esserlo anche dopo che sarà stata asfaltata. Per non parlare di come sarà in inverno. Capisco le ragioni della propaganda per il consenso, ma dovremmo stare attenti a non indurre i cittadini inconsapevoli a farsi male”

“Sorveglieremo con attenzione su tutti i pareri e i collaudi e le agibilità rilasciate per progettare, finanziare e dichiarare agibile un’arteria che, con un volume di traffico ‘autostradale’, sarà pericolosissima”

“Le esigenze di propaganda sono una cosa ma far percorrere ai siciliani una trazzera nella quale può ‘scapparci il morto’, sinceramente ci sembra troppo”.

Preso atto del rinnovato interesse della politica regionale per la sicurezza dei cittadini, interesse che non si evidenziava però quando era possibile collegare in treno in 2 ore e 47 minuti Catania e Palermo (ma non lo si faceva), saremmo lieti che altrettanta solerzia fosse dedicata alla valutazione di altre vie di collegamento (ricordiamo che ben cinque ponti sono crollati in meno di due anni in Sicilia), così come saremmo felici di sapere che il Partito Democratico invece di controllare l’operato degli avversari politici si impegnasse a controllare quello del presidente Crocetta che ha paralizzato con la sua “non-gestione” l’intero territorio e l’intera economia isolana.

Sì, il dubbio che quella trazzera di Caltavuturo sarà pericolosa viene un po’ a tutti, e confidiamo nella disciplina degli automobilisti che ne usufruiranno, così come facciamo su tutte le strade (che siano la Catania-Paternò o la Agrigento-Sciacca, la “rinnovata” e pericolosissima Strada Statale 640 Caltanissetta-Agrigento o la SS 626 soprattutto all’altezza di Capodarso). Staremo attenti, di certo. Ma staremo anche a guardare cosa farà la Regione, nell’attesa.

La Regione ha comunnicato che i lavori sul tratto di autostrada interrotto cominceranno il 10 agosto (proprio un attimo prima delle ferie ferragostane! ooops).