Anche quest’anno il Cortile delle Idee a Lentini

Contenitore Cortile delle IdeeUna “Rassegna delle Idee”, della durata di sei mesi, strutturata su più livelli di operatività e ricercando l’ulteriore coinvolgimento di “tutto” il Territorio e di tutti gli Enti Istituzionali: Culturali, Economici ed Amministrativi.
Come? Facendo sistema, Persone, Imprese ed Istituzioni.
Perché se arriva il secondo, non essendoci due senza tre, arriverà anche il Terzo.
Questo è ciò che sarà proposto, e su cui verrà chiesta la propria opinione, in maniera semplice, in occasione della festività patronale che si svolgerà a Lentini, dedicata ai SS Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino, all’interno del cortile San Lio, durante l’iniziativa avviata l’anno scorso per la medesima occasione: “il Cortile delle Idee”.
La libera opportunità di ognuno, diventerà l’opportunità di un’intera collettività?
Un’iniziativa della durata complessiva di sei mesi, all’interno della quale saranno previsti ulteriori filoni tematici – tesi all’acquisizione di una maggiore consapevolezza del proprio territorio – che saranno delegati a coloro i quali, attraverso un’autonomia condivisa, vorranno arricchire l’operatività della stessa rassegna che è finalizzata a Ideare, Supportare e Realizzare fra le 15 e le 25 Idee di Impresa strettamente legate al Territorio. Ogni idea dovrà essere espressione di un gruppo, ogni gruppo dovrà tenere conto del proprio territorio e di come inserirsi all’interno di un sistema che è già in essere. Alla fine della rassegna tutti i gruppi avranno l’opportunità di proporre la propria idea ad operatori ed investitori istituzionali o sociali, ricercando i capitali e le strutture a ciò preposte per sviluppare la propria Idea d’impresa. Ad ogni fase, ad iniziare dalla prima che è il confronto pubblico che si aprirà in occasione di queste festività e si concluderà il 31 maggio 2015, verrà garantita la massima trasparenza integrando meccanismi di confronto tradizionali con le nuove piattaforme tecnologiche.
Se “tutti” d’accordo, sarà possibile affrontare una nuova stagione, dall’autunno alla primavera, condividendo i risultati e le opportunità raggiunte.

Riportiamo qui di seguito le conclusioni a cui si era giunti l’anno scorso, mentre qui è possibile rileggere l’intero articolo.

Come visibile nella 1° infografica i contributi inseriti sono abbondantemente oltre i 300, al netto di eventuali doppi contributi per singola persona, e seppur privi di un reale valore statistico ci danno la possibilità di cogliere alcuni spunti significativi, per delle considerazioni generali:
1) Per valorizzare pienamente le potenzialità del Network, inteso come rete di “Persone” che collaborano ad un progetto, è fondamentale individuare progettualità e meccanismi trasparenti in grado di coinvolgere consapevolmente vari Stakeholder (come riscontrabile dall’insieme delle Risposte alle domande 1-2-4-5).
2) La chiara e limpida disponibilità, trasversale, ad intraprendere e condividere una Visione che veda al centro la Comunità, in tutte le sue declinazioni, con la consapevolezza dei propri limiti strutturali ed individuali e delle Opportunità Collettive (come riscontrabile dall’insieme delle Risposte alle domande 2-3-4-5).
3) Un futuro, quello lavorativo, a cui si guarda con Creatività ed Intraprendenza (come riscontrabile dall’insieme delle Risposte alle domande 1-2-3-5-6).
Il tutto in un “Presente” dove si deve scontare un retaggio culturale, quello della diffidenza del “Passato”.