• Home »
  • BRINDISI »
  • Salento: problemi in raffineria, decine di auto danneggiate da gasolio anomalo

Salento: problemi in raffineria, decine di auto danneggiate da gasolio anomalo

di Luigi Asero

 

Centinaia di veicoli a gasolio danneggiati da una partita di carburante raffinata male in una raffineria di Taranto. È quanto denuncia lo Sportello dei Diritti diretto da Giovanni D’Agata a Lecce.Le segnalazioni degli utenti sarebbero giunte dai primi giorni dell’anno allo Sportello dei Diritti, utenti che hanno accusato un grave disagio dopo aver fatto rifornimento di gasolio in vari distributori del Salento. In particolare nei comuni dell’entroterra gallipolino, presso distributori di vari marchi di carburanti. Si sarebbero, difatti, verificati difetti alle pompe di gasolio ed agli iniettori con arresto improvviso di numerosi veicoli. A seguito di una sommaria indagine da parte di alcuni esercenti si è avuto notizia che nei giorni attorno a Natale si è verificato presso una raffineria di Taranto un problema di mixaggio per cui è stato fornito un prodotto altamente inidoneo alla carburazione. Alcuni distributori hanno quindi invitato i clienti a rivolgersi direttamente alla società di distribuzione carburanti per riferire delle problematiche e segnalare eventuali danni alla vettura.

D’Agata precisa che “Si tratta di un caso estremamente raro e che merita le opportune verifiche da parte delle autorità competenti, anche perché sinora non è stata resa nota alcuna nota ufficiale in merito da parte della società che è responsabile della raffineria tarantina che avrebbe causato le problematiche in questione”.

A seguito della prima segnalazione fatta dallo sportello dei diritti si è scatenato un vero e proprio putiferio nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto tra gli automobilisti infuriati per i danni subiti dalle proprie autovetture a causa del gasolio non correttamente raffinato, distribuito in moltissime pompe delle tre province e che proverrebbe da una raffineria di Taranto. Non, quindi, casi isolati, ma un vero e proprio danneggiamento di massa come raramente se ne sono visti sul territorio nazionale. La causa dei danni a centinaia di veicoli -che dopo il rifornimento di gasolio hanno manifestato difetti alle pompe di gasolio ed agli iniettori con arresto improvviso– a seguito di sommarie notizie pervenuteci, risalirebbe al fatto che nei giorni attorno a Natale si sarebbe verificato presso una raffineria di Taranto un problema di mixaggio per cui è stato fornito un prodotto altamente inidoneo alla carburazione. Come detto, dichiara ancora D’Agata, dopo che il nostro comunicato è apparso su alcuni giornali online, si è manifestato in maniera del tutto evidente che, dato il numero di cittadini danneggiati e l’entità dei danni con medie intorno ai 1.500,00 euro ciascuno, si tratta di un vero e proprio scandalo che merita da una parte un approfondimento da parte dell’Autorità Giudiziaria, e dall’altra azioni risarcitorie in favore di chi ha subìto pregiudizi a seguito del rifornimento del gasolio in questione.

Lo Sportello dei Diritti ha sede a Lecce, in via Luigi Sturzo n. 40 ed è a disposizione degli utenti per le azioni opportune.

Luigi Asero

Appassionato di informazione scrivo per passione su diverse testate. Sempre alla ricerca della verità.