Ancora Nigeria: altre due bimbe fatte esplodere

maiduguriDi Luigi Asero

Boko Haram continua. Boko Haram usa di nuovo bambine per fare sanguinosi attentati che passano quasi inosservati alla comunità internazionale.

Anche questa volta protagoniste involontarie delle bambine usate come kamikaze a loro insaputa, imbottite di esplosivo e mandate fra la folla a esplodersi e seminare morte e orrore. Anche stavolta qualcuno, a distanza, ha usato un telecomando. come ieri a Maiduguri.

Il bilancio parla di almeno sette morti e quasi cinquanta feriti. Sempre in un mercato, a Potiskum stavolta, nello Stato nord-orientale di Yobe.

Mentre a Parigi si sfila in due milioni per “la pace”, dopo le terribili 55 ore di terrore, in Nigeria a sfilare per ora è solo la morte. Che assume le sembianze dell’innocenza.
Perché in effetti, forse, la “Morte” stessa, come Entità, è innocente. Solo la barbarie e l’indifferenza umana hanno una colpa. Grave. Genetica. L’indifferenza che non vuol fermare la morte, forse perché un po’ -sotto sotto- ne trae giovamento.