Caccia all’uomo per i killer di Charlie Hebdo a Parigi

Parigi, sparatoria nella sede di "Charlie Hebdo"Dura da ore la caccia ai killer che nella tarda mattinata hanno provocato la morte di dodici persone e il ferimento di parecchie altre, di cui alcune in gravi condizioni.

I killer della redazione di Charlie Hebdo sarebbero due fratelli franco-algerini di 32 e 34 anni, caccia inoltre a un 18 enne loro fiancheggiatore. I due erano rientrati la scorsa estate dalla Siria, dove avevano combattuto al fianco delle milizie dell’Isis, uno dei due era già stato processato in Francia nel 2008 nell’ambito di un’operazione contro una filiera jihadista irachena che avrebbe avuto la sua base nel 19/o arrondissement di Parigi.

Secondo la polizia, i due fratelli, Said e Cherif Kouachi, sarebbero stati riconosciuti grazie alla carta d’identità di uno dei due smarrita e ritrovata poi dalla polizia nella Citroen C3 abbandonata dagli attentatori durante la fuga vicino alla porte di Pantin, a Parigi. Il giovane complice, Hamyd Mourad, 18 anni, sarebbe stato alla guida delle diverse auto durante l’operazione. Le ricerche sarebbero ora concentrate nella vicina città di Reims.

Intanto anche in Italia e stato di massima allerta e già nel pomeriggio il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha convocato il Comitato di analisi strategica (CASA) per una verifica del dispositivo di sorveglianza. A quanto si apprende da fonti del Viminale, verrà approvato un provvedimento che mira a colpire in particolare i cosiddetti foreign fighters: termine usato per chi va a combattere nei teatri di guerra e poi potrebbe rientrare in Italia con progetti ostili. La misura introdurrebbe la possibilità di punire penalmente i combattenti e non solo i reclutatori, come finora prevede l’attuale ordinamento. La strategia di prevenzione prevede l’aumento immediato dei controlli negli aeroporti e nelle stazioni, la verifica di tutti quegli ambienti di aggregazione che potrebbero fornire “coperture”, ma anche l’intensificarsi dei contatti di intelligence tra Stati alleati. Non si esclude la convocazione urgente di un vertice europeo.